Autostrada A3 Salerno Reggio (anno:2012)

Messa in sicurezza dal km 148+000 al km 143+400 (Galleria Fossino - Svincolo di Laino Borgo).

Progetto esecutivo dei lavori di ripristino e messa in sicurezza di un tronco autostradale lungo 3.4 km con numerose opere d'arte:
  • Galleria Fossino, 1600m di lunghezza, a doppia canna in cattivo stato di conservazione, necessita di un risanamento completo e dell'equipaggiamento di impianti consoni alla lunghezza.

  • 9 viadotti in calcestruzzo da sostituire con nuovi impalcati in acciaio, restaurando le pile esistenti, con interventi e consolidamento:
    Macera I Nord L=134 m Macera 2 Nord L= 270 m
    Petraro Nord L=304 m Petraro Sud L=270 m
    RenaBianca I Nord L=193 n
    RenaBianca II Nord L=270 n
    Macera I e II Sud L= 440 m
    RenaBianca I Sud L=154 m
    RenaBianca II Sud L=270 m

Il progetto in esame prevede il rifacimento di un tronco autostradale di circa 6 km, parte del quale a doppia carreggiata. Una galleria a doppia canna e otto viadotti in calcestruzzo sono le opere principali del lotto che necessitano un rifacimento completo delle strutture. Il Progetto Definitivo a base di gara prevedeva, per i viadotti, interventi di ripristino e rinforzo delle strutture esistenti, che avrebbero mantenuto la geometria attuale salvo un modesto allargamento dei cordoli per l’alloggio delle nuove barriere di sicurezza. Le opere, realizzate alla fine degli anni 60, mostrano gravi segni di avanzato degrado, in particolare per le parti soggette alle intemperie ed all’azione diretta del traffico. Le strutture, tipiche dell’epoca, sono campate in semplice appoggio, con 4 travi in CAP realizzate con materiali di buona qualità, solette di spessore molto ridotto (oggi fuori norma), giunti doppi per ogni pila con una struttura in CA tra giunto e giunto. Le sottostrutture sono realizzate con sezioni scatolari in CA, con pile di altezza generalmente inferiore a 25m, anch’esse oggetto di aggressione dagli agenti atmosferici.
Rispetto al progetto definitivo di gara, sono state presentate le seguenti modifiche migliorative, che hanno permesso l’aggiudicazione di un altissimo punteggio per merito tecnico:

Si è voluto quindi modificare l’intervento sostituendo un impalcato con oltre 50 anni di esercizio, alla fine della sua vita utile il cui rinforzo non può certo riportarlo alle condizioni iniziali con una nuova struttura di vita utile 100 anni, priva di giunti, adeguata simicamente e con una sezione trasversale aumentata (sez tipo B), con banchina da 1,75m e marciapiede di servizio. La galleria, risalente agli anni ’60, attualmente si trova in evidenti condizioni di ammaloramento: sarà necessario ripristinare il rivestimento interno, e l’impermeabilizzazione che, insieme alle nuove opere di raccolta delle acque, proteggerà l’opera dagli effetti di possibili circolazioni di acque. Particolari lavorazioni di allargamento, adeguamento, impiantistica permetteranno di realizzare una nuova sezione più ampia, a garanzia del miglioramento delle condizioni di traffico e sicurezza.