S.S. 117 Centrale Sicula (anno:2010)

Progetto Esecutivo di appalto e di dettaglio in corso d'opera

Itinerario Nord - Sud S. Stefano di Camastra - Gela.

L'intervento fa parte del previsto ammodernamento del collegamento diretto tra la costiera tirrenica (nord) in prossimità di S. Stefano di Camastra e la costa meridionale sicula presso Gela. Nello specifico l'itinerario denominato lotto B4b, riguarda la SS. 117, tratto compreso tra il km 32+000 e il km 38+700, nei comuni di Mistretta e Nicosia e si sviluppa nella parte più interna dell'Area della Catena Settentrionale (Monti Nebrodi) a cavallo della dorsale del Colle del Contrasto.

Il tracciato di progetto interessa il tratto della lunghezza complessiva di 6700 m. La sezione di riferimento è la sezione tipo "C2", strada extraurbana secondaria, con corsie da 3.50 m e banchine da 1.25 m per una piattaforma complessiva di 9.50 m. Il tracciato attuale presenta un andamento particolarmente sinuoso con raggi di curvatura al di sotto dei minimi consentiti dalla normativa vigente; per tale motivo il progetto si discosta da quello attuale in più tratti, originando due gallerie: una artificiale/naturale "Portella San Martino" di metri 340 ed una naturale "Coniglio" di metri 966.

La tipologia delle gallerie è a singola canna, secondo le sagome previste per una strada tipo C2.. La galleria Portella San Martino ha una lunghezza totale di 340.5m, di cui:

Tutte le strutture sono a sezione policentrica di raggio interno della pari a 5.7m. La galleria Coniglio ha una lunghezza totale di 966m, di cui:

Per quanto riguarda i tratti in artificiale ed in naturale, sono state eseguite ottimizzazioni sulle sezioni di progetto che riguardano le geometrie dell'arco rovescio. Con riferimento alle operazioni di scavo, si è modificata la cadenza della realizzazione dei consolidamenti e si è diminuita la lunghezza dei campi di scavo; questa variante, in particolare, garantisce maggiori condizioni di sicurezza durante le operazioni di scavo.

Ulteriori opere d'arte principali sono i due viadotti "Romano" e "Malgurno", con lunghezze complessive (da appoggio a appoggio) pari rispettivamente a 65.0 m e 140.0 m. Sono composti da una travata continua su campate (rispettivamente tre e sei); le campate di riva hanno luce di calcolo pari a 20.0 m e le campate centrali hanno luce di calcolo pari a 25.0 m.


Committente:

Impresa Sigenco S.p.A

Importo totale lavori:

52.023.560 Euro